Curiosità a tutto tonno

Curiosità a tutto tonno

Curiosità, spigolature, aspetti inediti su un gruppo di prodotti  che sono parte integrante della nostra cultura e del Made in Italy agroalimentare nel mondo.

TONNO

Il tonno in scatola? Ha sale quanto basta… all’organismo

scopri di più

Buono, gustoso: così gli italiani giudicano il tonno in scatola secondo tutte le indagini di mercato. Ma gustoso vuol dire, anche, saporito: quanto sale contiene esattamente il tonno? La risposta è rassicurante: una scatoletta di tonno sott’olio da 80 grammi (pari a 52 grammi di prodotto sgocciolato) contiene 0,16 grammi di sodio, la stessa quantità presente in una fetta di pane di media grandezza (50 grammi) o in un etto di mozzarella. Anche nel caso del sale, dunque, il tonno in scatola fornisce in giuste quantità macro e micronutrienti preziosi per il nostro organismo.

TONNO

Quanto mercurio c’è nel tonno in scatola? E quanto selenio? E come il selenio fa bene all’organismo?

scopri di più

Secondo un’indagine condotta dalla Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (SSICA) nel 2015 per conto di ANCIT, il tonno che consumiamo in Italia ha un contenuto di mercurio ampiamente sotto i limiti della normativa italiana ed europea: in media, meno della metà. “Valori che ci rassicurano e permettono di inserire il consumo di tonno in scatola nell’ambito di una dieta sana ed equilibrata”, afferma il Prof. Pietro A. Migliaccio, Presidente Emerito della SISA (Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione). Inoltre, aggiunge Migliaccio, tali valori sono più che compensati dall’elevato contenuto di selenio, presente nello stesso tonno in scatola, che “combatte e annulla gli effetti negativi del mercurio sul nostro organismo”.

ACCIUGHE

Le acciughe sono il pesce azzurro più premiato dagli italiani. Meglio fresche o sott’olio?

scopri di più

Dal punto di vista nutrizionale, le acciughe sott’olio hanno un contenuto maggiore di omega 3, ben 11 grammi per 100 grammi di prodotto, perché agli acidi grassi presenti nel pesce vanno aggiunti – appunto – quelli dell’olio. Ma in generale consumare acciughe fa bene alla nostra salute, grazie al loro notevole apporto di proteine (26 grammi di proteine nobili ogni 100 grammi), calcio, fosforo, vitamina D e molti altri nutrienti essenziali per l’organismo.

ALTRE CONSERVE

Vongole e Italia, due parole che vanno spesso insieme. Ma oltre alla zuppa e agli spaghetti c’è di più…

scopri di più

Intanto le vongole sono un frutto di mare presente nell’Adriatico e medio-basso Tirreno, ma si trovano riunite in grandi banchi anche nell’Atlantico orientale e nel Mar Caspio. È però vero che, gastronomicamente parlando, le vongole sono associate ad alcuni dei più noti piatti della cucina italiana, come gli spaghetti o la zuppa. Ma le ricette possibili, a base di vongole tanto fresche quanto surgelate, sono molte di più. Tutte gustose e, facendo attenzione agli altri ingredienti, così povere di grassi da essere consigliate per una dieta ipocalorica.

ALTRE CONSERVE

Salmone, un pesce “rosa” che viene da lontano. Ma anche “azzurro”, e sempre più presente sulle nostre tavole. Perché?

scopri di più

Arriva soprattutto dai mari (ma anche fiumi e laghi) del Nord Europa e del Nord Atlantico, non rientra nella categoria del pesce azzurro, ma finisce immancabilmente sulla nostra tavola, soprattutto (ma non solo) in occasione delle festività natalizie. Ed è un bene perché il salmone, spiegano gli esperti, ha caratteristiche nutrizionali paragonabili (e dunque eccellenti) a quelle del pesce azzurro: la quota di proteine è analoga a quella dello sgombro, delle sardine e delle acciughe, e lo stesso vale per l’apporto di grassi e di calorie.

SGOMBRO

Per i nutrizionisti lo sgombro è “il migliore amico di bambini e anziani”. Volete sapere perché?

scopri di più

Offerto in differenti forme (fresco, surgelato o in scatola), lo sgombro non ha squame, ha pochissime spine e moltissime proteine. Nella versione in scatola conserva intatte le proprietà nutritive del pesce fresco, con tutti i benefici che ne conseguono per il cuore e per il controllo del colesterolo. Quello sott’olio extravergine d’oliva, che aumenta ulteriormente l’effetto protettivo di cuore e arterie, riscuote un gran successo tra i più piccoli, facilitando la strutturazione di una dieta equilibrata per l’infanzia.

TONNO

A chi fa particolarmente bene il tonno? Agli sportivi? Ai ragazzi? Alle famiglie? A tutti? E perché?

scopri di più

Il tonno in scatola fa bene a tutti. È ricco di proteine nobili, e contiene anche acidi grassi omega 3, di iodio, potassio, ferro, fosforo e di vitamine del gruppo B. Sette italiani su dieci pensano, giustamente, che sia ideale per gli sportivi e per chi voglia tenersi in forma. Ma lo è anche per la terza e quarta età, per le stesse ragioni: l’elevato contenuto di proteine aiuta ad accrescere (o mantenere) le masse muscolari, e di nutrienti (omega 3, vitamine e sali minerali), preziosi per la salute del cuore e delle arterie.

SGOMBRO

Per i nutrizionisti lo sgombro è “il migliore amico di bambini e anziani”. Volete sapere perché?

scopri di più

Offerto in differenti forme (fresco, surgelato o in scatola), lo sgombro non ha squame, ha pochissime spine e moltissime proteine. Nella versione in scatola conserva intatte le proprietà nutritive del pesce fresco, con tutti i benefici che ne conseguono per il cuore e per il controllo del colesterolo. Quello sott’olio extravergine d’oliva, che aumenta ulteriormente l’effetto protettivo di cuore e arterie, riscuote un gran successo tra i più piccoli, facilitando la strutturazione di una dieta equilibrata per l’infanzia.

ALTRE CONSERVE

Che cosa sono gli omega 3? E che cosa c’entrano con loro acciughe, sardine, sgombro e salmone?

scopri di più

Gli omega 3, spiegano i nutrizionisti, sono acidi grassi polinsaturi definiti “essenziali” perché l’organismo non è in grado di sintetizzarli e devono pertanto essere introdotti attraverso la dieta. Hanno effetti benefici sul sistema cardiovascolare in quanto riducono i trigliceridi e, in parte, il colesterolo totale e, in più, aumentano il cosiddetto “colesterolo buono” (Hdl). Acciughe, sardine, sgombro e salmone  sono una fonte importante degli omega 3 che – ripetiamo – abbiamo bisogno di assumere attraverso l’alimentazione.

ACCIUGHE

Acciughe, alici, sardine: dov’è (quando c’è) la differenza? Alcune indicazioni per distinguerle, anche se non è facile…

scopri di più

Acciughe e alici sono sinonimi. Mentre le acciughe e le sardine all’esterno si distinguono per la forma del corpo: le prime l’hanno più slanciata e curva sulla testa, le seconde fusiforme e non compressa lateralmente. Ma la vera differenza si riscontra nella bocca: la sardina ha un muso acuto e mascelle che terminano sotto l’occhio, con quella inferiore che sopravanza quella superiore; l’alice ha una specie di naso, con la mascella superiore che sopravanza quella inferiore. E poi c’è il gusto, leggermente diverso. Che però, com’è noto, è personale.

TONNO

Il tonno in scatola è una conserva. Vuol dire che contiene conservanti? E quali? La risposta è sorprendente…

scopri di più

Il tonno in scatola è un prodotto naturale, che contiene solo acqua o olio, sale e aromi. Gli italiani lo consumano in grande quantità (il 40% degli italiani ogni settimana, secondo una recente indagine Doxa), ma su un punto si sbagliano: due su tre pensano che nel tonno in scatola ci siano anche conservanti. Non è così, perché non ce n’è bisogno: le confezioni sono chiuse ermeticamente e sterilizzate, per una conservazione sicura che dura anni. Basta leggere l’etichetta: additivi del tutto assenti.